risveglio

DE MELLOMessaggio per un’aquila che si crede un pollo
Quando si abbraccia un ricordo (2°parte)

… Per conseguire la consapevolezza, bisogna saper vedere, e non si può vedere se si è accecati dai pregiudizi.

Quasi tutte le cose e le persone che guardiamo, le guardiamo attraverso il filtro dei pregiudizi.
Direi che è sufficiente a scoraggiare chiunque.

Come quando di incontra un amico perduto da tempo.
“Ehi, Tom” gli dico. “Che bello rivederti!” e lo abbraccio forte. Chi sto abbracciando, Tom o il ricordo che ho di lui? Un essere umano o un cadavere? Io parto dalla convinzione che sia ancora il giovanotto attraente che pensavo fosse. Parto dalla convinzione checorrispomda ancora all’idea che avevo di lui, ai miei ricordi e alle mie associazioni.

Così lo abbraccio. Cinque minuti più tardi mi accorgo che è cambiato e perdo ogni interesse per lui. Ho abbracciato la persona sbagliata.
A. De Mello 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...