Zona … Biologia dell’appetito

01 B. SearsLa biologia dell’appetito (2° parte)
L’attivazione dei neuroni della fame e della sazietà è influenzata da numerosi altri ormoni che inviano informazioni da diverse  parti del corpo. Questa complessità è perfettamente rappresentata dell’insulina.

Un alto tasso di insulina nel sangue fa diminuire la glicemia. Ciò provoca un senso di fame, perchè il cervello è deprivato della sua principale fonte di energia. Se ha fame il cervello, anche voi avete fame. All’interno del cervello, però, succede ben altro. Quando l’insulina vi entra, inibisce l’azione di stimolo dei neuroni della fame e quindi aumenta il senso di sazietà (ecco la ragione per cui, se fate abbassare troppo il livello di insulina assumendo troppo poche calorie o non abbastanza carboidrati, avete fame di nuovo).

Ciò che impedisce all’insulina di arrivare al cervello è l’aumento dell’infiammazione cellulare del cervello. La stessa cosa accade con l’ormone leptina, proveniente dalle cellule adipose. Più grasso avete, più più producete questo ormone. In teoria, se esso raggiungesse il cervello, un obeso smetterebbe di mangiare. Purtroppo la medesima infiammazione cellulare che genera resistenza all’insulina nel cervello, genera anche resistenza al leptina, ed è solo riducendo l’infiammazione cellulare che si riesce a evitare la resistenza allinsulina e alla leptina a livello del sistema nervoso centrale, e a ottenere un maggior senso di sazietà.

Barry Sears 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...